( nb. a votazione effettuata, verrete indirizzati nuovamente alla sezione delle Poesie in concorso. Grazie. )

Il destino del Sole
 
Ignaro si desta al mattino
felice di tanto vigore
e s’offre spavaldo al destino
non teme di vita dolore.

Nel cielo di forza egli brilla
lontano si ode il suo canto
il poi non dev’esser rimpianto
non vuole negarsi scintilla.

Di luce intrisi son gli occhi
le braccia dispensan calore
a ognuno un raggio d’amore
carezze di vita i suoi tocchi.

La notte del giorno è pur figlia
avanza in silente frastuono
oscura ogni sua meraviglia
assomiglia al tramonto dell’uomo.